E’ già da alcuni mesi che ci si concentra e confronta nell’ambito seo e social media riguardo l’impatto dei cosiddetti “social signals” sull’indicizzazione, crawling e posizionamento delle pagine web. I social signals non sono altro che quelle azioni di gradimento e condivisione che gli utenti fanno sulle più note pattaforme sociali come Facebook e Twitter.
La lotta si sta svolgendo tra 3 principali player: Google, Bing e Blekko.
In sostanza essi rilevano la presenza di un ReTwit o un Like e lo mostrano all’utente trasmettendo un’idea di affidabilità e riprova sociale del contenuto ReTwittato o Like-ato con un conseguente impatto potenziale sul CTR organico.

Il buzz che si è generato attorno a questa tematica, che verte sostanzialmente sulla possibilità di indivduare un utente per mezzo del proprio profilo e quindi da LOGGATO in una delle suddette piattaforme, ha spinto molti specialisti ad intervistare i rappresentati dei motori di ricerca e testare questi social signals, ricavando dati discordanti.
Google, che ha sempre “marciato” sui suoi 200 fattori che concorrono al posizionamento, sembra essere indietro nell’ambito social, tant’è che buzz, google profiles, wave e altri… sono progetti che non sono riusciti a scalfire colossi come Facebook, e vuole ora recuperare introducendo una serie di modifiche al suo algoritmo.
L’ultima modifica RILEVANTE è per l’appunto questo fantomatico “+1” che sarà presto online nel mercato USA e poi conseguentemente in quelli di tutti gli altri paesi.

Visto che mi sono dilungato già abbastanza, spero almeno in modo esaustivo, vi giro una serie di articoli dei blog ufficiali di Google che illustrano le potenzialità di questo strumento sui vari prodotti google: organic, adsense e adwords:
http://adwords.blogspot.com/2011/03/1-button-adwords.html
https://adwords.google.com/support/aw/bin/answer.py?hl=en&answer=187588
http://adsense.blogspot.com/2011/03/1-to-great-web-content.html
http://googleitalia.blogspot.com/2011/03/1-i-suggerimenti-giusti-al-momento.html

Cosa ne pensi di questo nuovo +1 di Google?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *